Il peso delle informazioni

istruzioni-pesoL’acquisto di una stampante multifunzione è una pratica entrata nelle abitudini e nelle voci di spesa delle “nuove famiglie digitali”.
La digitalizzazione dei tanti documenti che ci riguardano (bollette, contratti, fotografie, ecc…) rende la stampante multifunzione un accessorio indispensabile anche in ambito casalingo, un bene di consumo più o meno duraturo…

Quale stampante scegliere?

Le risposte potrebbero essere tutte e nessuna.
Alcuni puntano esclusivamente sul prezzo più basso o all’offerta del momento, altri puntano diretti alla marca o al modello consigliato dall’amico.
Ovviamente ciascuno è libero di seguire il proprio “credo” anche se la cosa più semplice è quella di partire da una domanda più precisa:
Quale stampante multifunzione “mi serve”?

Dipende, probabilmente avremo più risposte e diversi dubbi, in funzione di quello che dovremo fare (stampare foto, scannerizzare, fare fotocopie, ecc).

Se non siamo molto esperti in materia e siamo alla ricerca di un prodotto per un utilizzo medio con un buon rapporto qualità-prezzo, la rete è certamente il primo strumento utile per chiarie alcuni dubbi ma, a volte, può avere un effetto contrario.

Il vantaggio della rete è quello di offrirci una marea di prodotti, dati tecnici, recensioni, oltre che la possibilità di acquistare comodamente da casa.
La rete presenta però anche qualche svantaggio, ad esempio:

  1. confonde le idee a fronte di pareri contrastanti,
  2. propone prodotti che non sempre trovo in negozio.

Il mio consiglio, per coloro che acquistano la stampante multifunzione direttamente in negozio, è quello di iniziare dalle informazioni presenti sull’imballo che contiene il prodotto mettendoli a confronto tra loro.
Seguendo questa logica nei giorni scorsi mi sono recato presso un noto centro commerciale per acquistare una nuova stampante multifunzione (getto d’inchiostro) per utilizzo “casalingo” .
In bella mostra trovo tre antagoniste del mercato, tutte in “OFFERTA” allo stesso prezzo e apparentemente equivalenti.

Le informazioni sul volantino non sono però esaustive così mi affido alle informazioni riportate con simboli e testi sui relativi imballi.
Dopo un primo confronto sembrano davvero molto simili in termini di prestazioni seppure con tecniche differenti (2 cartucce, 4 cartucce, ecc..).
Non troppo soddisfatto inizio a leggere le prestazioni di altri prodotti posti a scaffale ma NON in OFFERTA (!).
Alcune informazioni chiare e ben visibili attirano la mia attenzione:

  • numero di pagine stampabili: superiore ai tre prodotti in offerta,
  • costo stampe/ricariche: vantaggioso rispetto ai tre prodotti in offerta
  • qualità scansione: superiore a tre prodotti in offerta,
  • qualità di stampa equivalente ai tre prodotti in offerta,
  • collegamento tramite wi-fi e/o USB (una in offerta non aveva wi-fi),
  • possibilità stampa da smartphone (solo una delle tre in offerta),
  • due cartucce/ricariche,
  • prezzo di questo prodotto a scaffale… non esposto.

Mi informo e, con non poca sorpresa, scopro che il prezzo è il medesimo dei prodotti in offerta.
Ringrazio e verifico nuovamente, forse mi è sfuggito qualcosa… ma non è così e la compro.
Dopo due precedenti stampanti multifunzione HP ed una Canon, proseguo quindi con una nuova Canon.

Le informazioni sulla confezione (chiare, visibili, comprensibili)  mi hanno permesso di acquistare un prodotto con prestazioni superiori allo stesso prezzo di quelli in offerta.
In questo caso le informazioni sul prodotto hanno avuto un “peso” determinante sulla mia scelta.

Rientrato a casa apro la confezione e sono meravigliato dalla mole di “carta” che trovo al suo interno: istruzioni ed informazioni (utilissime) per l’installazione ma stampate in molteplici lingue suddivisi in tantissimi opuscoli. Effetto globalizzazione…

L’installazione è semplice e guidata a pc, lancio le prime stampe e tutto funziona senza intoppi.
Resta soltanto il dubbio sulla necessità di tutta quella carta che mai utilizzerò se non come rifiuto da riciclare…

Informazioni ed istruzioni di prodotto hanno un loro peso (anche fisico), teniamone conto e valutiamo sempre eventuali benefici e possibili impatti.

Advertisements

2 Risposte

  1. Sono arrivato qui dal Blog di Licia Corbolante.

    Anch’io ho acquistato tempo fa una stampante multifunzione della stessa marca, che aveva il medesimo ‘corredo’ di fascicoli informativi multilingua.

    Ora questi ‘fascicoli’, che in realtà si aprono ‘a lenzuolo’ e per questo non si maneggiano agevolmente, sono in pratica delle guide rapidissime all’installazione e alle funzioni elementari della stampante, buone per un utilizzo elementarissimo delle varie funzioni, ma non esaustive.

    Manca invece un completo manuale cartaceo di istruzioni, che illustri in modo completo il funzionamento della stampante, le complete caratteristiche della stessa, la soluzione di alcuni malfunzionamenti che possono verificarsi.

    Tale manuale è consultabile solo on line, oppure è scaricabile in formato .pdf dal sito italiano del costruttore.

    Solo la lettura di questo completo manuale consente, a mio parere, un uso consapevole della stampante e permette di approfittare veramente delle varie sue caratteristiche, oltre che di apprenderne le procedure corrette per il suo funzionamento e per la soluzione di qualche malfunzionamento.

    Ovviamente la mia preferenza va al manuale cartaceo, che può leggersi e portare dappertutto, senza essere vincolati a dispositivi di vario tipo e alla loro alimentazione, manuale che consiglierei di leggere tutto, capitolo per capitolo, almeno una volta, per capire davvero il prodotto acquistato; e poi di consultare di volta in volta, per approfondire i vari argomenti ovvero in relazione agli effettivi bisogni del momento.

    Consiglierei anche di provare via via le varie funzionalità della stampante, ancor prima di averne la necessità o se ne presenti l’occasione.

    Saremo così maggiormente padroni del ns. strumento e non andremo in panico se, per es., la scansione, con la regolazione standard, del pagamento di una ns. bolletta cartacea da inviare urgentemente al gestore del servizio per dimostrare di aver pagato, non è venuta sufficientemente leggibile, oppure non son venute bene le stampe che abbiamo tentato delle nostre foto digitali, per farle vedere all’anziana prozia che vuole tenerle sul mobile del salotto, sapendo già, così, come intervenire, o dove andare a leggere sul manuale per risolvere rapidamente il problema.

    Per quanto mi riguarda, la digitalizzazione delle istruzioni ha solo spostato dal costruttore all’utente finale il costo di stampa, almeno per quegli utenti che come me non sanno fare a meno del manuale cartaceo e preferiscono stamparlo, da sé, oppure in copisteria, a costi tutto sommato non elevati (es. 0,03 euro a pagina b/n), per poterlo leggere, in modo sistematico o per argomenti, come si è detto.

    In conclusione, la presenza di un completo e maneggevole e ben concepito ( cioè con illustrazioni a colori, indice analitico, rinvii e richiami) manuale cartaceo, in lingua italiana, è per me un segnale di attenzione per il cliente…
    Il risparmio di carta può ben ottenersi ottimizzando gli imballi, utilizzando carta riciclata e destinando a ciascun mercato il manuale scritto solo nella lingua di quel mercato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: