FOTOGRAFIA = Scrivere con la luce … nella comunicazione tecnica

0000Alcuni studi sulla “teoria dell’immagine” affermano che l’acquisizione sensoriale di una persona avviene in queste percentuali:

·         78% – vista !!!

·         13% – udito

·         3% – tatto

·         3% – olfatto

·         3% – gusto

Inoltre rimane impresso nella memoria:

·         il 40% di quello che si è visto,

·         il 20% di quello che si è udito.

Ritenendo le immagini (e quindi anche le fotografie) fondamentali nel mio lavoro di “comunicatore tecnico”,
mi sono iscritto ad un corso di fotografia (Refoto)
con l’obiettivo di colmare le mie tante lacune in materia.

(Da Wikipedia) Fotografia: <<Il termine deriva dal greco φῶς, phôs, luce e γραφή, graphè, scrittura o disegno, rappresenta la sintesi del processo ovvero “disegno della luce”.
Fotografia significa quindi scrittura con la luce.

L’estrema versatilità di questa tecnica ne ha consentito l’utilizzo nei campi più diversi delle attività umane, dalla ricerca scientifica all’intrattenimento, dalla pubblicità al giornalismo, fino a consacrarla come autentica forma d’arte.>>

L’avvento della tecnica digitale ha rivoluzionato il mondo della fotografia, stravolgendo usi e costumi.
Questa rivoluzione ha portato cambiamenti anche nel settore della comunicazione tecnica, dalle istruzioni per l’uso alla manualistica in generale.

Passare oggi “dallo scatto alla stampa” richiede (mediamente) un investimento in termini di tempi/costi molto ridotti rispetto al passato.

Scattare fotografie è sempre più semplice, divertente ed i risultati sono immediati.
Chiunque si può improvvisare fotografo ma, purtroppo, non sempre i risultati sono di qualità e non sempre lo scatto “comunica” un messaggio corretto.

Raramente, nelle officine o sul luogo di lavoro/ripresa, si hanno a disposizione un “set fotografico” o “attrezzature adeguate” e capita spesso di ritrovarsi a dover “gestire” immagini scattate con telefoni cellulari accompagnate da commenti di questo tipo: “tanto hai Photoshop …” !!!

Le fotocamere/reflex digitali di ultima generazione fortunatamente ci vengono in aiuto e, grazie ad alcuni automatismi,  consentono di:

·         produrre immagini di buona qualità,

·         visualizzare ed “aggiustare” gli scatti “in diretta” sul posto,

·         salvare in formati differenti, come ad esempio:

o    nel classico formato JPG (formato con perdita di dati),

o    nel formato RAW che, definito negativo digitale, riporta TUTTE le informazioni recuperate dal sensore. 

La possibilità di “aggiustare” fotografie in fase di post produzione consente inoltre di eliminare imperfezioni o  errori dello scatto originale.
Questo NON significa però fare miracoli, uno scatto fatto male rimane pur sempre uno scatto fatto male e spesso inutilizzabile.

Software come ACR-Adobe Camera RAW (plug-in di Photoshop) o Lightroom offrono potenti strumenti di correzione e sono in grado, se utilizzati da “mani capaci”, di rendere fruibili anche scatti mediocri.

Considerando quindi:

·         la facilità di ripresa,

·         la praticità ,

·         la possibilità di scelta tra vari formati,

·         la facilità di gestone degli scatti (es. visualizzazione in diretta, ecc),

·         la possibilità di correzioni in post produzione,

·         la diffusione sempre più ampia del metodo, 

possiamo affermare che le fotografie hanno affossato il mercato delle illustrazioni tecniche?
Ovviamente NO.

Possiamo ritenere le fotografie lo strumento principe nella comunicazione tecnica?
Ovviamente NO, dipende dal tipo di informazione che si deve produrre.

Quali caratteristiche deve possedere una fotografia per essere considerata una buona immagine?
Riporto un breve (ma non esaustivo) elenco: 

La qualità dipende da:

·         abilità del “fotografo” (spesso chi scatta non ha esperienza in merito)

·         gestione della luce (ombre, temperatura colore, ecc),

·         buona esposizione (contrasto, grigio medio, ecc),

·         riproduzione fedele dei colori (luce, ottiche, ecc),

·         mezzi tecnici (obiettivo, precisione macchina fotografica, ecc)

·         materiali sensibili (pellicola, sensore, procedimento di stampa, ecc).

L’ informazione deve essere:

·         chiara

·         semplice

·         regolare

·         sintetica

·         ordinata

Rapporto soggetto – sfondo:

·         il soggetto deve essere posto in risalto rispetto allo sfondo,

·         la figura più piccola viene percepita come soggetto,

·         la figura più grande viene percepita come sfondo,

·         contrasti: determinano ed esaltano i contorni del soggetto,

·         sfocatura: se metto a fuoco solo una parte, obbligo a guardare quella parte.

La luce:

·         laterale: illuminazione plastica, si allungano le forme,

·         frontale: appiattisce le figure in rilievo,

·         posteriore al soggetto: effetto silhouette.

Il colore:

·         funziona per riflessione su un soggetto,

·         si misura in gradi Kelvin; 5500 °K è la temperatura della luce solare,

·         tono: qualità percettiva,

·         tonalità: distinzione tra i vari colori,

·         saturazione: intensità del colore

·         luminosità: quantità di bianco o nero presenti nel colore percepito.

Le linee:

·         servono per

o    dare profondità,

o    indirizzare lo sguardo,

o    dare una via di fuga.

·         orizzontali: effetto statico,

·         verticali: vigore, vitalità,

·         diagonali: irradia movimento,

·         angolo retto: dinamismo,

·         curva: movimento lento e tranquillo,

·         irregolari: attesa, attenzione,

·         cerchio: avvolgente, protezione,

·         arco: collegamento.

Esempio: principali caratteristiche fotografie per manuale istruzioni:

·         scala di grigi,

·         immediatezza,

·         contenuto informativo,

·         nessun “rumore di fondo” (granulosità, altri oggetti che disturbano, ecc)

·         risoluzione tra 200 e i 300 dpi (ok 240) per stampe su carta,

·         risoluzione di 72 se pubblicate sul web,

·         dimensioni (kB) ridotte per non occupare spazio eccessivo o rallentare il pc.

Fotografie – PRO:

·         immediata riconducibilità al prodotto,

·         facilità di lettura da parte degli utenti,

·         facilità di ripresa: tutti sono in grado di fare fotografie,

·         semplicità di gestione,

·         se ben fatta annulla o riduce il lavoro di post produzione.

Fotografie CONTRO:

·         difficoltà nell’isolare le parti con lo scatto originale,

·         particolari attorno possono distrarre,

·         consumo inchiostro in fase di stampa,

·         problemi di leggibilità in caso di fotocopie/fax,

·         devo essere sul posto,

·         devo avere a disposizione i “pezzi”,

·         non posso produrre documentazione preventiva,

·         se fatta male richiede lunghi tempi di lavoro in post produzione.

Non utilizzo fotografie se:

·         devo rappresentare parti interne (es: spaccato/ vista in sezione),

·         devo rappresentare punto di vista particolari (es: vista esplosa), 

·         devo rappresentare oggetti in trasparenza (es: vista fantasma).

Nonostante le tante lezioni e le tantissime informazioni apprese non mi ritengo assolutamente un fotografo, con questo post ho solamente cercato di fornire alcuni spunti utili ed interessanti.

Ormai giunto al termine del secondo livello die tre previsti, approfitto per ringraziare Alberto Cucchi, docente del corso che sto frequentato e curatore di diverse mostre per la manifestazione Internazionale Fotografia Europea. 

Advertisements

2 Risposte

  1. Concordo.
    Uno degli effetti dell’avvento della fotografia digitale alla portata di tutti, a mio parere, è quello di avere creato un enorme divario.
    Quando vedo una foto fatta da un bravo Fotografo ( e sono rari) noto la grande differenza fra una pseudo foto e una vera fotografia.
    Si chiamano sempre fotografie e per la maggior parte degli utilizzatori non vi è differenza. In realtà la differenza è abissale, solo che è notata da poche persone.
    Ciao
    Franco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: